Monstrum biceps

19.09.2019

Nicolaes "Claes" Pietersz (AMsterdam, 1593 - 1674), è stato un medico olandese. Fu uno dei più famosi chirurghi del XVII secolo, oltre che sindaco di Amsterdam per quattro volte. Il suo nome è legato al famoso dipinto di Rembrant intitolato "Lezione di anatomia del dottor Tulp". Tra le sue opere più importanti si trovano la Observationes Medicae, stampate per la prima volta ad Amsterdam nel 1641. 


Tra le diverse osservazioni anatomiche riportate nell'opera, una in particolare descrive un caso inerente ad un parto di mostro a due teste. L'autore scrive che tra i difetti più pericolosi che possono verificarsi durante il parto vi è la condizione dei piedi conversi  degli infanti. Ancor più i casi dove si presentano con più di due piedi, in numero dispari. In questi casi di Biceps monstrum si rende necessario l'intervento non solo dell'ostetrica ma del chirurgo: il quale con un ferro adunco estrae dalla vulva le parti reticenti del mostro.


Il seguente caso, rappresentato nella tavola XIII, proponeva tre braccia, tre piedi, quattro mani, due capezzoli. Uno spettacolo deforme. Un dal rimedio difficile.